La nascita
Nel 2008 è accaduto qualcosa di eccezionale ed unico, qualcosa paragonabile all’invenzione della ruota, del motore a scoppio delle onde radio o della lampadina, e di qualsiasi altra cosa scoperta da quando l’uomo abita la nostra terra, e queste scoperte ne hanno modificato per sempre i cambiamenti di vita.

Quando la crisi immobiliare ha rovinato milioni di famiglie e bruciato miliardi di risparmi, un uomo misterioso conosciuto con lo pseudonimo Satoshi Nakamoto ha pubblicato online un documento con la più grande rivoluzione nella storia di Internet.

Quel documento ha attratto i migliori matematici e programmatori di tutto il mondo, che insieme hanno creato la più grande rete di valore di scambio non legata ad alcun sistema tradizionale di controllo chiamata Blockchain, e con essa la prima criptovaluta, il Bitcoin.

Bitcoin è la prima valuta incorruttibile, non soggetta all’inflazione e gestita interamente dagli utenti, e lanciata con il valore di 0,01 centesimi.

Grazie a quindici milioni di persone che hanno condiviso, utilizzato ed investito in Bitcoin con l’obiettivo di rompere le barriere del sistema, Bitcoin ha superato a fine 2017 il valore di 19.000 dollari per unità dieci anni dopo la sua concezione.

La criptovaluta è diversa perché è uno strumento di libero scambio il cui valore è intrinseco ed è fisicamente detenuto dal portatore.

Bitcoin e Blockchain hanno trasformato e migliorato la vita di milioni di persone nel mondo, eppure sono solo una piccola parte rispetto a coloro che hanno ignorato o sminuito questa innovazione, inconsapevoli o fortemente influenzati dalla produzione infinita di notizie dissuasive ed allarmanti diffuse da mass media.

Il tempo è una conferma della potenza di questa innovazione. Il numero di persone che convertono i loro soldi in valute non governate da istituzioni e interamente possedute dal legittimo proprietario, sta crescendo esponenzialmente.

Questa rapida crescita della domanda ha reso il Bitcoin una valuta che pochi possono generare a causa dell’energia prodotta e dei costi delle attrezzature che spesso superano i ricavi delle attività minerarie. Questo è il motivo per cui sono state create centinaia di nuove criptovalute. Alcune nate solo per scopi speculativi, mentre altrie a causa di idee e obiettivi rivoluzionari.

Le criptovalute sono mezzi di scambio digitali che utilizzano la crittografia e il registro pubblico delle condivisioni (blockchain). Ciò rende le valute digitali molto più sicure e immutabili, poiché sono disconnesse dal sistema bancario e assicurano anche l’anonimato e la non rintracciabilità.

Le valute digitali e il mercato della blockchain sono appena agli inizi e possono crescere solo in modo esponenziale. In un periodo di due anni (2016-2017), interi mercati hanno iniziato a comprendere la radicale trasformazione che questa tecnologia ci ha fornito.

Il denaro era basato su prodotti e metalli, poi più tardi, sulla politica. Oggi, con criptovaluta, si basa sulla matematica.